Pagine

giovedì 14 maggio 2015

Il Plan B del mercoledì

Plan B al Teatro Vittorio Emanuele di Messina 12-13 maggio 2015.

Pantaloncini alla zuava, canotta, borsello a tracolla. Il classico cliché da straniero. Sguardi curiosi nella loro direzione dai pochi messinesi non attaccati alla maglia bianconera. Noi in un angolino del bar con giacchetta, ignare dei 25° (il cervello dice che è ancora maggio) e le gambe coperte (senza calze? che sei matta, ho le gambe bianco latte!). Uno sguardo, due parole in un misto di inglese sbiascicato a rimasugli francesi della mia amica e abbiamo conosciuto le star della serata. 

sabato 18 aprile 2015

Vorrei invecchiare come Pamela Prati

Granny Hair Style: capelli bianchi per le under 30. Siamo già alla terza amica che mi chiede un parere sulla nuova moda dei capelli grigi, da un po’ in voga fra le star e adesso di dominio pubblico (date un modello sbagliato ai giovani di oggi e lo seguiranno ad occhi chiusi!). Io, che giusto oggi ho tagliato in uno scatto d’ira convulsivo tre capelli bianchi (ATTENZIONE “tagliato” e non tirato “che poi te ne crescono 10” n.d.r. da credenze popolari), come faccio ad esprimermi su una moda che sembra più una dichiarazione di guerra a L’Oréal e Eva Longoria che altro? 

mercoledì 1 aprile 2015

Maledetta lunatica Primavera


Giacca di pelle e borsetta gioiello Max&Co. - Abito Imperial Fashion - Scarpe Miista
Noi donne siamo le regine del cambio di programma. Siamo nate sotto il segno della luna e non ci decidiamo mai prima dell’ultimo minuto. Siamo programmate per cambiare programma, sorprende, stravolgere, incasinare la vita dell’altro sesso. E per ora io mi sento ancora peggio. Sarà l’arrivo della primavera con polline e uova di cioccolato, ma sono indecisa su tutto. Scrivo, non scrivo, bianco, nero, esco, non esco. Come Anne Hathaway nel Diavolo veste Prada, me lo faccio o non me lo faccio l’editore bonazzo (?); come Rebecca Bloomwood, la compro o non la compro la sciarpa verde (?); come Belén con Stefano, lo lascio o non lo lascio (ma cu tu fa fari, bella mia)... 

domenica 8 marzo 2015

In him Shoes (scarpe, ministre e mimose)

Mentre il paese è impegnato a discutere se sia più “corretto” chiamare Avvocata, Ingegnera Ministra o altro una donna che lavora e sgobba in ugual misura (forse un po’ di più) di un uomo, io ho deciso di auto-festeggiarmi con un nuovo paio di scarpe (sono pur sempre una fashion-victim nel mio piccolo). Ma non un paio di tacchi a spillo con suola rossa che urlano al mondo quanto sono brava come equilibrista. Piuttosto, oserei dire, un paio di scarpe che raccontano quanta strada abbiamo fatto dall’istituzione della Festa della Donna ad oggi.



venerdì 20 febbraio 2015

Il 26% delle donne guarda film porno

Al cinema di solito guardo commedie, per lo più italiane, ma a certe sfumature che battono ai botteghini del trash non ho saputo resistere. Non mi lancerò in una critica snob di libri e film, perché, ahimé, non ho ancora pubblicato un bel nulla e il mio nome non figura nella giuria del Campiello. Ma a smuovere la mia curiosità è piuttosto l’aspetto sociologico. Dopo due ore al cinema (e ci tengo a precisare due), mi domando: perché le donne impazziscono per questa saga?